Il bilancio degli educatori Acr al termine del Convegno

di Davide De Amicis - “Ripartiamo con gioia per essere all’altezza del loro cuore” 

“Questo convegno mi ha spronato ad andare avanti con gioia nel mio servizio educativo in Acr, vivendolo in modo più consapevole e attento senza improvvisare”. Nelle parole di Davide, della diocesi di Saluzzo, emerge tutta la volontà e l’entusiasmo di essere sempre più educatori all’altezza del cuore dei ragazzi. È questo uno dei risultati più incoraggianti che stanno emergendo dal Convegno nazionale degli educatori Acr, che volge al termine presso la Domus Pacis di Roma mentre la responsabile nazionale Anna Teresa Borrelli si appresta a tirare le conclusioni da cui ripartire con rinnovato slancio e responsabilità. “Dobbiamo prestare un occhio particolare ai ragazzi – sottolinea Roberta, educatrice della diocesi di Cerignola-Ascoli Satriano, – che hanno bisogno di noi e apprendono molto da tutto quello che facciamo”. È dunque un futuro carico di speranze quello degli educatori che stanno per fare rientro nelle rispettive parrocchie, così come lo è quello dei ragazzi di “Terra e’ Scampia”, un gruppo musicale che, attraverso il ritmo intenso della pizzica suonata a suon di percussioni e grancassa, ieri sera ha animato la festa degli educatori esprimendo la ferma volontà di riscatto e ribellione al degrado della periferia napoletana. Nel pomeriggio odierno, invece, dalla musica si è passati a  una riflessione sul mondo del cinema e della fiction italiana e internazionale per analizzare e individuare nuove pellicole da utilizzare al meglio nella formazione dei ragazzi. Un’attività resa possibile dall’intervento di Sergio Perugini, membro della Commissione nazionale valutazione film della Conferenza episcopale italiana, che ha proiettato spezzoni di vari film sui temi della famiglia, del creato e della partecipazione. Questa sera, dopo le conclusioni, la veglia di preghiera presieduta da monsignor Rino Fisichella, presidente del Pontificio Consiglio per la promozione della Nuova evangelizzazione. Domattina il gran finale con la Santa messa presieduta dall’assistente ecclesiastico generale dell’Azione cattolica Mons. Mansueto Bianchi, che Raiuno trasmetterà in diretta alle ore 10.50 dalla Basilica di Santa Croce in Gerusalemme.