papa Francesco

«Parlate con i nonni, condividete con loro la gioia della vita»

19 dicembre 2016

«Ecco il compito: parlare con i nonni, ascoltare i nonni» è l’impegno chiesto da Francesco ricevendo in udienza oggi una nutrita rappresentanza dei ragazzi dell’Azione Cattolica per l’ormai tradizionale scambio di auguri natalizi. «Domandate a loro tante cose, ascoltateli – ha aggiunto il Papa - loro hanno la memoria della storia, l’esperienza della vita, e per voi questo sarà un grande dono che vi aiuterà nel vostro cammino. Anche loro hanno bisogno di ascoltarvi, di capire le vostre aspirazioni, le vostre speranze».La delegazione di acierrini provenienti da 12 diocesi d’Italia (Albenga-Imperia; Biella; Conversano-Monopoli; Fano-Fossombrone-Cagli-Pergola; Mazara del Vallo; Parma; Pescia; Potenza-Muro Lucano-Marsiconuovo; Rossano Cariati; Sessa Aurunca; Sora- Cassino-Aquino-Pontecorvo; Trento), era accompagnata dai loro educatori, dal Presidente nazionale dell’Azione Cattolica Italiana, Matteo Truffelli, dal Vice assistente ecclesiastico generale, don Antonio Mastantuono, dalla Responsabile nazionale dell’Azione Cattolica dei Ragazzi, Anna Teresa Borrelli, dall’Assistente Centrale dell’Azione Cattolica dei Ragazzi, don Marco Ghiazza, dai Consiglieri nazionali e dai collaboratori dell’Ufficio centrale Acr. All’interno, il testo degli auguri acierrini letto dal Giovanni, 13 anni, della diocesi di Sora-Cassino-Aquino-Pontecorvo e il discorso del Santo Padre. Gli acierrini nel salutare hanno dato il loro arrivederci al 29 aprile 2017, quando Francesco incontrerà l'Azione Cattolica Italiana per festeggiare i 150 anni dell'Associazione.

Gli auguri dei bambini e dei ragazzi dell'Acr a Papa Francesco

17 dicembre 2015
Papa Francesco incontra l'Acr

di Claudia D'Antoni* - Nella mattinata del 17 dicembre, alcuni bambini e ragazzi dell'Acr sono stati in Udienza da Papa Francesco per porgergli gli auguri di Natale e di buon compleanno in rappresentanza dei bambini e dei ragazzi di tutta Italia.

All’ormai tradizionale appuntamento, erano presenti una nutrita delegazione di acierrini provenienti da 12 diocesi di tutta Italia (Anagni-Alatri; Loreto; Cuneo; Imola; Lodi; Lucera-Troia; Massa Marittima-Piombino; Piana degli Albanesi; San Marco Argentano - Scalea; Sant'Angelo dei Lombardi-Conza-Nusco-Bisaccia; Termoli-Larino; Udine) accompagnati dai loro educatori, dal Presidente nazionale dell’Azione Cattolica Italiana, Matteo Truffelli, dall’Assistente ecclesiastico generale, mons. Mansueto Bianchi, dalla Responsabile nazionale dell’Azione Cattolica dei Ragazzi, Anna Teresa Borrelli, dall’Assistente centrale dell’Acr, don Marco Ghiazza, dai Consiglieri nazionali Acr e dai collaboratori dell’Ufficio centrale Acr.